Questo sito utilizza cookies e strumenti simili per migliorare la tua esperienza di navigazione.

OK

Per avere maggiori informazioni sui cookies da noi utilizzati o su come modificare le tue impostazioni, vedi Politica sui Cookies. Da qui puoi cancellare la tua autorizzazione in qualsiasi momento.

Conformità

Conformità dei prodotti

Il gruppo Panasonic è ben consapevole delle diverse restrizioni imposte dalle leggi europee, nazionali ed internazionali. La questione principale in Europa riguarda attualmente la conformità con le direttive e le regolamentazioni elencate di seguito. Si fa presente che l'elenco non si intende esaustivo.

Oltre ai requisiti legislativi, il Gruppo Panasonic ha definito dei propri target ancora più severi per i prodotti e l'approvvigionamento. Nell'ambito delle nostre attività di "Green Procurement", chiediamo ai nostri fornitori di uniformarsi alle ''Panasonic Chemical Substance Management Rank Guideline for Products'', che impongono limiti controllati all'uso di determinate sostanze chimiche.

 

Etica del gruppo

Panasonic Electric Works si è impegnata con forza ad adottare un comportamento etico, come definito nella filosofia del nostro fondatore Konosuke Matsushita, per cui i diritti umani e la sicurezza sono diventati elementi fondamentali della tradizione Panasonic. Per rendere ben visibile agli occhi di tutti la nostra tradizionale etica negli affari sia all'interno che all'esterno del gruppo PEW, noi pubblichiamo regolarmente le attività del nostro programma di conformità per diffonderle su ampia scala.

Associazioni industriali

La partecipazione attiva a importanti associazioni industriali e autorità locali riveste un ruolo fondamentale nella nostra politica di conformità. Nei rispettivi comitati vengono scambiate e condivise le informazioni legali di interesse, ma vengono anche presentate agli enti legislativi le intenzioni e le opinioni a livello industriale.

Dichiarazione di conformità ELV

La direttiva ELV ("End of Life Vehicles", veicoli fuori uso) (2000/53/CE) mira a evitare la produzione di rifiuti derivanti da veicoli, a riutilizzare, riciclare e recuperare veicoli fuori uso e i loro componenti. Possiamo affermare, dunque, che i nostri componenti automobilistici installati su veicoli messi sul mercato dopo il 1 luglio 2003 non contengono piombo, mercurio, cadmio o cromo esavalente. Nell'Allegato II di questa direttiva sono citate alcune eccezioni, ad esempio sono consentiti complessivamente 60 grammi di piombo per veicolo. Tuttavia in base alla direttiva RoHS, l'obiettivo PEW è quello di evitare completamente tali sostanze nei componenti automobilistici.

Attività di conformità alla RoHS (Direttiva 2002/95/CE)

Panasonic impone propri limiti interni a livello del gruppo che superano quelli imposti dalla direttiva europea RoHS (Direttiva 2002/95/CE). Questo sistema richiede non solo dichiarazioni dai nostri fornitori, ma anche una prova analitica su base regolare sia da parte del fornitore che da parte nostra. Sulla base dei risultati così ottenuti, siamo in grado di attribuire livelli di rischio ai fornitori ed ai prodotti acquistati, assicurando che tutti i nostri prodotti sono conformi alla direttiva RoHS e ai nostri standard interni.

Dichiarazione di conformità alla RoHS

La direttiva RoHS ("Restriction of Hazardous Substances", Limitazione delle sostanze pericolose) è applicata uniformemente in Europa e vieta l'utilizzo di piombo, mercurio, cadmio, cromo esavalente, difenile polibromurato (PBB) ed eteri di difenile polibromurato (PBDE), poiché classificate come sostanze pericolose dal 1° luglio 2006.
Nell'ambito di questa direttiva sono esplicitamente escluse per il momento le categorie 8 e 9 indicate in Allegato 1A. Ciò significa che se i nostri componenti vengono utilizzati in dispositivi medici o industriali, non rientrano, strettamente parlando, nell'ambito della direttiva RoHS. Se utilizzati in altre categorie, ad esempio negli elettrodomestici, è richiesta la conformità alla direttiva. Dal punto di vista pratico, oggi tutti i prodotti elettrici ed elettronici e per estensione i loro componenti sono conformi alla RoHS. Noi pensiamo, tuttavia, che il mercato non voglia essere tediato dai particolari e quindi fin dall'inizio abbiamo deciso semplicemente di eliminare le sostanze pericolose dalla nostra gamma di prodotti, ovunque possibile, ed abbiamo introdotto una politica ambientale che supera i requisiti della direttiva RoHS (-> Green Procurement). Quindi tutti i prodotti Panasonic sono almeno conformi alla RoHS.

Relè con contatti che contengono cadmio sono ancora esenti dalle direttive RoHs. Tuttavia per seguire la politica aziendale generale, Panasonic non offre più relè con contatti contenenti cadmio. Panasonic di fatto offre relé senza Cd con specifiche analoghe, ma in rari casi e durante questa fase di transizione possiamo produrre relè con contatti in AgCdO, se il cliente ce li richiede esplicitamente.

 

Dichiarazione di conformità alla WEEE (Direttiva 2002/96/CE)

La direttiva WEEE ("Waste of Electrical and Electronic Equipment" - Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche) (Direttiva 2002/96/CE) definisce i requisiti minimi per la gestione dei rifiuti di apparecchiature elettriche, che deve essere applicata paese per paese tramite le rispettive leggi nazionali. L'obiettivo della direttiva e delle leggi nazionali corrispondenti è quello di smaltire in modo ecologicamente consapevole apparecchiature elettriche ed elettroniche utilizzate in ambito privato o nell'industria, concentrandosi principalmente sugli elettrodomestici e sulle apparecchiature domestiche (§1). La questione che resta aperta è fino a che punto i componenti di comandi industriali siano soggetti a questa direttiva, vale a dire relè, contattori, sensori, strumenti di monitoraggio e controllo, dispositivi di comando, componenti di PLC, invertitori o attuatori elettrici.

Secondo l'articolo 2, la direttiva riguarda apparecchiature elettriche ed elettroniche che rientrano nelle categorie elencate nell'Allegato 1A, ammesso che tali apparecchiature non facciano parte di un altro tipo di apparecchiature che non rientrano nell'ambito della stessa direttiva. Tali apparecchiature, di fatto gli utensili industriali fissi di grandi dimensioni, sono elencate nella Categoria 6 dell'Allegato 1A e quindi sono esplicitamente escluse dall'ambito della direttiva. Secondo Orgalime (Liaison Group of the European Mechanical, Electrical, Electronic and Metalworking Industries), per utensili industriali fissi di grandi dimensioni si intendono "Macchine o sistemi composti da una combinazione di apparecchiature e/o componenti ciascuno dei quali è prodotto per essere utilizzato esclusivamente nell'industria, installato in modo fisso e definitivamente da professionisti in una data posizione all'interno di un macchinario industriale o di un edificio industriale, allo scopo di svolgere un compito specifico. Non sono previsti per essere immessi sul mercato come singola unità funzionale o commerciale. Un'apparecchiatura che fa parte di un altro tipo di apparecchiatura non è considerata come un prodotto finito."

In tale ottica, essendo parti di un'installazione fissa, ad esempio i componenti per il monitoraggio industriale, i componenti di comando e controllo sono esonerati, poiché formano un'unità funzionale della macchina. Pertanto non sono soggetti alla direttiva WEEE.

Le macchine utensili, i sistemi macchina e i relativi componenti e unità di controllo non sono inoltre equiparabili a quelli degli elettrodomestici privati per quanto riguarda lo smaltimento al termine del loro ciclo utile, e neppure per quanto riguarda la loro conformazione o la quantità in cui vengono prodotti. Questi prodotti infine non sono stati e non saranno smaltiti in un centro di raccolta rifiuti comunale.

Riepilogando, componenti tecnologici di monitoraggio e controllo, nonché comandi elettrici utilizzati in utensili industriali fissi di grandi dimensioni in genere non sono soggetti alla direttiva WEEE o alle rispettive leggi nazionali. Di conseguenza, per questi prodotti non è richiesta la registrazione della nostra società presso le Autorità di registrazione nazionali, ad esempio EAR in Germania. Continueremo comunque a tenere d'occhio gli sviluppi di tale direttiva e delle leggi nazionali corrispondenti.

 

Allegato 1A delle direttive RoHS e WEEE

  1. Grandi elettrodomestici
  2. Piccoli elettrodomestici
  3. Apparecchiature informatiche e per telecomunicazione
  4. Apparecchiature di consumo
  5. Apparecchiature di illuminazione
  6. Utensili elettrici ed elettronici (ad eccezione degli utensili industriali fissi di grandi dimensioni)
  7. Giocattoli e apparecchiature per lo sport e il tempo libero
  8. Dispositivi medici (ad eccezione di tutti i prodotti installati e alterati)
  9. Strumenti di monitoraggio e controllo
  10. Distributori automatici